Tutela amministrativa - Sportello di legalità
16242
page-template-default,page,page-id-16242,page-child,parent-pageid-15713,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Tutela amministrativa

Tutela amministrativa

La nostra equipe vanta una conoscenza ed esperienza specifica nel settore della legislazione a favore delle vittime di reato, offrendo una tutela amministrativa pronta e efficace.

Per tale motivo, lo Sportello si occupa di predisporre:

— le istanze di accesso al Fondo di Solidarietà alle vittime del racket e dell’usura e di sospensione dei termini, ai sensi degli artt. 3 e 20, legge n. 44/99 e dell’art. 14, legge n. 108/96;

— le istanze di rimborso di oneri fiscali e contributivi, ai sensi dell’art. 3, comma 2, della legge regionale n. 15/2008;

— le richieste di contributo, ai sensi dell’art. 12 della legge regionale n. 20/99;

— le richieste di esonero dal pagamento di tributi locali secondo la disciplina regolamentare stabilita dai Comuni;

— le istanze di accesso al fondo per le vittime della mafia ai sensi della legge 512/99;

— la documentazione e le relazioni tecniche che provano e quantificano il danno emergente e il lucro cessante patito;

— memorie e/o di istanze di riesame con riferimento ai questioni di cui sopra.

I consulenti legali si occupano, inoltre, di gestire i rapporti con le Istituzioni pubbliche. In particolare, lo Sportello si pone quale soggetto intermediario tra le vittime e la Prefettura, la Procura, le Forze dell’Ordine e gli altri istituti come l’INPS, l’Agenzia delle Entrate, l’INAIL e gli Istituti Bancari. Tutto ciò, al fine di rendere più agevole la comunicazione reciproca e di soddisfare in modo efficace e concreto le esigenze delle vittime.

sportello di solidarietà - tutela amministrativa